Argo di Ben Affleck in arrivo anche in Italia

Dopo l’ottima accoglienza avuta al Toronto Film Festilval, che oramai rivaleggia con Berlino e Venezia, Argo, terza fatica da regista di Ben Affleck arriverà sui nostri schermi l’8 di novembre. Il cast di ottima qualità include anche John Goodman, Alan Arkin, Bryan Cranston, Kyle Chandler, Kerry Bishe, Tate Donovan, Victor Garber, Chris Messina, Titus Welliver, Zeljko Ivanek e Taylor Schilling.
Basato su eventi realmente accaduti, “Argo” racconta di un’operazione sotto copertura per salvare sei americani che si svolgeva dietro le quinte di una crisi con ostaggi iraniana la cui verità è rimasta sconosciuta al pubblico per decenni. Leggi tutto “Argo di Ben Affleck in arrivo anche in Italia”

The Wolf of Wall Street. Quinto film per Scorsese – Di Caprio

Quinto per Leonardo Di Caprio diretto da Martin Scorsese, che sono impegnati sul set in The Wolf of Wall Street, nuova fatica per il regista italo-americano dopo Hugo lo stupendo 3D di omaggio a Melies e al cinema dei primordi. Dopo Cronenberg anche Scorse racconta la crisi, a suo modo naturalmente, ingaggiando uno sceneggiatore tv. Certo, Terence Winter, quello che ha scritto I Soprano e Boardwalk Empire, livelli altissimi. Dopo Gangs of New York, The Aviator, The Departed e Shutter Island, Di Caprio sarà uno squalo della finanza.  Leggi tutto “The Wolf of Wall Street. Quinto film per Scorsese – Di Caprio”

“E’ l’inizio di un bel viaggio”. I Taviani candidati italiani all’Oscar

”Siamo felici ed e’ solo l’inizio di un bel viaggio. C’e’ tanta strada da fare”. Questo è il commento dei fratelli Taviani alla notizia che Cesare non deve morire, il loro film già vincitore del Festival di Berlino, rappresenterà l’Italia alla corsa per il miglior film straniero agli Academy Awards. Siamo felici anche noi perchè il film ci è piaciuto davvero tanto e potrebbe avere chance per arrivare nella cinquina finale grazie ad alcuni fattori. Leggi tutto ““E’ l’inizio di un bel viaggio”. I Taviani candidati italiani all’Oscar”

Un coreano a Hollywood – Park Chan-Wook va in America

Quel geniaccio di Park Chan-Wook è riuscito ad arrivare ad Hollywood. Non è raro che un asiatico di livello internazionale riesca a fare un film prodotto negli Stati Uniti, ma lui sta iniziando a realizzare anche il secondo. Sappiamo tutti che lui non è una sorta di monaco del cinema come il suo connazionale Kim Ki-Dok, fresco vincitore di Venezia, anzi direi che se c’è una che ama oltrepassare i limiti è proprio il regista della trilogia della vendetta. Dopo la sua versione dei vampiri, Thirst del 2009, si era dedicato ad alcuni cortometraggi, uno dei quali realizzato solo con un iPhone e coi soldi della Apple. A marzo invece uscirà Stoker, un thriller di fantasmi, in pieno stile Hitchcock, che avrà come protagonista Nicole Kidman. Leggi tutto “Un coreano a Hollywood – Park Chan-Wook va in America”

Boardwalk Empire: la terza stagione

Arriva l’autunno e tornano le grandi serie tv. Appuntamento da segnare sul calendario è sicuramente la terza stagione di Boardwalk Empire, ambientato in una Atlantic City del periodo proibizionista. Se già ci era piaciuta nella prima stagione e anche di più nella seconda, Terence Winter, capo sceneggiatore, nonché ex sceneggiatore dei Soprano, riuscirà a stupirci ancora? Siamo orfani di Jimmy Darmody (Micheal Pitt), il figlioccio di Enoch Nucky Thompson, Steve Buscemi merita tanti premi per questa interpretazione, che lo stesso Nucky ha ucciso: il figlio ucciso dal padre surrogato.
I trailer ed il set sono molto interessanti e annunciano molti spunti per le linee narrative che si svilupperanno.  Leggi tutto “Boardwalk Empire: la terza stagione”

E se Maometto…

Chi è stato ad eseguire l’attentato contro l’ambasciatore americano in Libia? Al Qaeda? I fondamentalisti? Un gruppo isolato? Oppure si tratta di un ritorno verso una strategia terrorista più pesante?
Comunque sia pare che tutto si basi su un film che ha come protagonista la vita di Maometto, il Profeta sacro per gli islasmici. Il titolo è Innocence of Muslims ed il regista è Alan Roberts. Come voi mi sono chiesto chi fosse, ebbene Roberts è un regista di soft porno di serie B, non è uno scherzo avete letto bene. Un regista di softcore di basso budget e se avete visto il trailer linkato prima ve ne sarete accorti. Leggi tutto “E se Maometto…”

Arriva Lincoln di Spielberg, la macchina da Oscar

A Novembre uscirà il nuovo film di Steven Spielberg Lincoln, centrato sulla vita del presidente americano che affronto la guerra civile. E’ stato diffuso il trailer e già dalla prima visione ci si rende conto che siamo di fronte ad un meccanismo narrativo costruito per prendere Oscar. War Horse, l’ultima fatica del regista americano non ha entusiasmato sebbene tecnicamente fosse davvero ben fatto, ma questo non basta più, se si pensa a quanto, a livello di professionalità e spettacolarità, fosse perfetto Hugo di Martin Scorsese, film meraviglioso, che alla stretta finale degli Academy perse contro The Artist, film di cui nessun parla più e non se ne sente la mancanza. Leggi tutto “Arriva Lincoln di Spielberg, la macchina da Oscar”

Dal Lido a Fondamenta Nuove. I premi a Venezia

Chi conosce Venezia, un po’ di più del circuito Ferrovia, Rialto, San Marco, dovrebbe conoscere Cannaregio, specialmente Fondamenta Nuove, dove si lasciano i canali e s’intravede il mare aperto per arrivare all’altre isole. Facciamo il percorso inverso, perchè il festival è finito, si ritorna a casa e ci rimane giusto il tempo per uno spritz e qualche cicchetto. Amaro. Perchè i premi sono andati come da copione e peggio del copione, soprattutto per aver lasciato senza niente Marco Bellocchio, se si esclude il premio Mastroianni per il miglior attore emergente, e Brillante Mendoza. Palma d’oro a Pietà, si sapeva, Gran premio a The Master, come pure l’ex aequo ai suoi due protagonisti. La sceneggiatura ad Assayas ci può stare, il film merita una visione più approfondita, al di là dell gusto personale. Però francamente lo scippo della Coppa Volpi che doveva andare a Nora Aunor, perchè per tutti era stata esemplare in un film compless come Thy Womb, te lo trovi che va a questa bella faccina Hadas Yaron per Lemale Et Ha’Chalal di Rama Bursthein. Leggi tutto “Dal Lido a Fondamenta Nuove. I premi a Venezia”

Cosa esce dalla ruota di Venezia?

Ieri sono finite le proiezoini del concorso di Venezia 69 senza grandi sussulti. Un gelo ha accolto il film di Cristina Comencini e poco di più quello di Brian De Palma, ma nulla che possa modificare le preferenze dei giurati per la vittoria finale.
E’ stato un festival sottotono, alla ricerca di un glamour che non c’era, tanto che i media hanno dovuto estendere il povero Robert Redford più che potevano e poi ripiegare sui teens Zac Efron, Selena Gomez e simili. Diciamo che Barbera non è stato fortunato, visto che tutti i grandi nomi che aveva a disposizione hanno quasi tutti deluso, mi chiedo cosa starà pensando Marco Mueller, che ha lasciato quella poltrona per quella, anche meno comoda se possibile, del Festival del film di Roma. Leggi tutto “Cosa esce dalla ruota di Venezia?”