Iron Man 3, il migliore!

Iron Man è tornato, con grande attesa, talmente forte che ieri sera, alla prima in sala, c’erano alcuni fan con maschera e guanto metallico luminoso. E’ tornato in maniera diversa, mostrandosi più umano che macchina, ma sempre l’eroe che più è amato, insieme a Spiderman e Hulk. Amati per la loro divisione interiore, per la loro psicologia fragile che agisce anche come molla per il coraggio, tornato con gli attacchi di panico e con la sua assistente, oramai compagna di vita Pepper, Gwyneth Paltrow. A mio giudizio il film è bello, è il migliore della sua serie e Robert Downey Jr. è in grandissima forma. Leggi tutto “Iron Man 3, il migliore!”

Far East Film Festival in streaming

Il Friuli fa parlare di sé non solo per le elezioni. Il 19 Aprile è iniziato il 15esimo Far East Film Festival di Udine, appuntamento classico e ben organizzato per gli amati del cinema dell’estremo oriente e di tutte le sue cinematografie. L’offerta anche quest’anno sarà ricca e articolata, fra sperimentazione e blockbuster che arrivano da Giappone, Corea, Cina e soci. Bellissima iniziativa iniziata ieri, cioè quella di mandare in streaming  da My Movies Live!, portale che trasmette sempre una selezioni di film e corti dai festival più interessanti del circuito. I film stavolta saranno ritrasmessi anche dal sito di Repubblica.it, con un’apposita sezione, anche per tablet e smartphone, così da permettere un maggior accesso. Leggi tutto “Far East Film Festival in streaming”

Akira in sala il 29 Maggio

Un solo giorno, un solo film, come 25 anni fa. A celebrare uno dei più importanti anime giapponesi degli ultimi 30 anni: AKIRA. Il lungometraggio, visionario e apocalittico, sarà visibile in digitale in una lista di cinema sul territorio italiano per celebrare il suo giubileo. Il capolavoro di Katsuhiro Otomo racconta una Tokyo nel 2019, citta’ devastata dalla Terza Guerra Mondiale, dove regna il caos: bande di motociclisti si fronteggiano, gruppi di terroristi e di ribelli mettono la citta’ a ferro e fuoco, sette religiose proliferano in attesa della seconda venuta del leggendario Akira. Leggi tutto “Akira in sala il 29 Maggio”

Dimenticare Oblivion. Magari con Orphan Black

Succede che decidi di guardarti un film, è domenica, primavera, hai fatto una bella passeggiata la mattina, l’umore è buono. Poi mangi qualcosa e decidi di rimanere fuori e andare al cinema. Scegli un film, fantascienza, tu e la tua fidanzata siete d’accordo, nonostante quegli occhi lamentosi di Tom Cruise non ti convincano per niente. Ti viene in mente che le cose di questa fase della carriera del pupone di scientology che ti hanno convinto di più sono quando lui non era il protagonista, comunque non il motore della storia: Rock of Ages, Tropic Thunder e Collateral (unica eccezione). Leggi tutto “Dimenticare Oblivion. Magari con Orphan Black”

Schermi, macchine e vapori. La forma Steampunk

Lo scorso fine settimana era a Cittadella per Steamcamp, un barcamp organizzato su tutto il mondo Steampunk. Esperienza ben riuscita, soprattutto per essere la prima edizione, dove si è visto e discusso di molto: origini, ispirazioni, prodotti, outfit di questo mondo. Lo Steampunk l’ho seguo da un po’ di anni, ma sempre a distanza, non certo per un timore, ma perché ne vedevo solamente una faccia. Eppure sono sempre stato affascinato da un’estetica ibrida, in questo caso l’epoca vittoriana, la rivoluzione industriale, il 19simo secolo, i corsetti, le macchine, il vapore e molto altro. Stavolta mi ci sono immerso, soprattutto nella sua iconografia e visualità. Diciamo subito che lo Steampunk non è un vero genere, ma qualcosa di più complesso – sarà anche questo che mi attira – oserei dire che c’è quasi una logica forte che non è passatista come molti hanno voluto scrivere, la semplificazione è sempre facile. Ha un legame con la storia, soprattutto con l’immaginazione, con l’elemento classico del “what if” narrativo vicino al modo della fantaletteratura. Per esempio che sarebbe successo se i mazziniani avessero vinto e realizzato l’unità d’Italia. E se Cavour fosse stato il rappresentate di una razza aliena? E se Hitler avesse vinto la guerra? Leggi tutto “Schermi, macchine e vapori. La forma Steampunk”

Almodovar non decolla, ma Loach invece…

Cosa si fa a pasquetta? La pasquetta degli italiani, questo gruppo antropologico oramai frammentato, che segue le vicende dei palazzi fra streaming fatti, ma soprattutto, mancati, in attesa di un saggio che chiarisca le cose – dieci sono troppo. Comunque a pasquetta se sei a Roma fai il picnic, il tempo regge, poi inizia a piovere. Allora fai l’unica cosa sensata quando sei in gruppo: vai al cinema. Il panorama in questo momento non è dei migliori, soprattutto perché devi accordarti, e tutto finisce su Gli Amanti Passeggeri, nuovo film di Pedro Almodovar. Non era facile per lui. Il Pedro ispanico, l’uomo che ha portato, prima la movida madrilena, con i suoi “mostri”, nel senso di fuori dall’ordinario, sullo schermo, poi è crollato risalendo in un noir deviato, per arrivare a mescolare il suo passato con la sua poetica, non era facile tornare allo schermo. Leggi tutto “Almodovar non decolla, ma Loach invece…”