Gli anelli della catena di un business audiovisivo

 

oroQuesti sono degli appunti concepiti per un intervento all’interno dell’unconference Moviecamp: Nuove frontiere del Business. Purtroppo per questioni di lavoro e di incastri non posso essere presente, ma questi sono degli appunti su quello che avrei detto.
Negli ultimi anni, anzi per meglio dire stagioni, abbiamo ripetutamente sentito alcuni giudizi riguardanti la produzione di serie tv nel mondo, soprattutto per i paesi di area anglosassone. Non solo riguardanti la quantità prodotta, ma specificatamente la qualità raggiunta. Leggi tutto “Gli anelli della catena di un business audiovisivo”

Buio sulla sala – Proposte di marketing per le monosale

Non è un post sulla crisi del cinema in Italia, ma su un pezzo di cinema, ovvero le monosale, che vedono un futuro sempre più nero. Già esistono multisala che non vedono un futuro roseo, ma se parliamo degli esercizi con un unico schermo siamo di fronte al “no future”. Una questione di sistema e di business, basta sbagliare un solo film per ritrovarsi senza una buona parte di fatturato, se ci fate case sono quelle che tengono un film il meno possibile, a volte neanche una settimana, esercizi vecchi che non hanno avuto la capacità finanziaria di innovarsi o forse hanno ristrutturato tutto ma le cose non sono andate bene. Perchè? Perchè il mercato e il consumo sono cambiati, forse non rimane che chiudere. O forse no. Leggi tutto “Buio sulla sala – Proposte di marketing per le monosale”

FacebookStories, Zuckerberg scopre la narrazione. Nasce lo StoryFlaneur?

Non è un progetto nuovissimo, ma sembra che stavolta abbia preso corpo sul serio FacebookStories, progetto per trasformare il social network più importante del mondo in un serbatoio di storie. Diciamo che arriva mentre si deve rispondere alla crescita forte di Overblog, nuova piattaforma di social blogging, che ho avuto modo di sperimentare e che funziona davvero bene. Qui però si ha un bacino di utenza fortissimo, cioè tutti gli utenti di Fb, siamo quasi al miliardo. La prima riflessione che ne viene fuori è che i blog non sono morti, anzi direi proprio il contrario, stanno solo cambiando attraverso gli strumenti social. La seconda riflessione è quanto negli ultimi vent’anni la ricostruzione storica sia e narrativa sia stata influenzata dalle memorie familiari, ricorderò sempre il bellissimo Maelstrom di Peter Forgacs, documentario sull’occupazione nazista in Olanda, realizzato solo con film familiari, che purtroppo pare sia introvabile in Italia, se non presso l’istituto di cultura ungherese di Roma. Ma prima di continuare vi consiglio di vedere il video di presentazione presente sulla home di Facebook Stories. Leggi tutto “FacebookStories, Zuckerberg scopre la narrazione. Nasce lo StoryFlaneur?”